Monumenti d'Italia

Basilica della Madonna delle Grazie
In Provincia di Brescia, Regione
Annesso alla chiesa omonima costruita intorno al 1525 su disegno di Lodovoco Barcella. Il portale in pietra risale a quell'epoca, mentre i battenti in legno di Filippo Morari sono leggermente più antichi (1490). L'interno è diviso in tre navate ed è decorato assai riccamente con stucchi ed affreschi, circa 350 in tutto. Vi sono conservati importanti dipinti, fra cui ricordiamo: 'San Francesco Saverio fra i Giapponesi' di Pietro Rotari, 'Madonna e Santi' del Moretto e 'Miracolo di San Martino' di Francesco Maffei.

 
 
Biblioteca Queriniana
In Provincia di Brescia, Regione

La costruzione, opera di Giovanni Battista Marchetti, possiede linee dolci e levigate ed è sovrastata da statue di Antonio Ferretti ed Alessandro Calegari. Una larga scalinata interna, la cui volta è decorata da affreschi di Bartolomeo Scotti, porta alle sale superiori.

 
 
Chiesa di San Francesco
In Provincia di Brescia, Regione
Costruita fra il 1254 e il 1265, è stata rimaneggiata più volte e presenta nell'insieme caratteri fra il gotico ed il romanico. La facciata è tipicamente romanica, mentre il lato sinistro si discosta dall'insieme per la presenza di sette cappelle; all'interno si individuano tre navate, sulla destra cinque altari. La chiesa ospita un numero notevole di opere d'arte, affreschi, dipinti, sculture. Luglio e Agosto aperto 6.30-11.30 / 16.00-19.30

 
 
Chiesa di San Gaetano
In Provincia di Brescia, Regione
Si trova nei pressi dell'incrocio con via Monti, costruita nel 1588 dall'architetto Giulio Todeschini e restaurata nel 1663 da Agostino Avanzo, fu rimaneggiata nel 1745 con l'aggiunta del coro e di quattro cappelle laterali. All'interno decorazione a stucchi ed affreschi di Grazio Cossali e Luigi Vernansaal nella navata. Dipinti di Antonio Bonardo, Vernansaal, Cossali, Giovan Battista Pittoni, Alessandro Maganza, Antonio Gandino. L'organo è un Antegnati.

 
 
Chiesa di San Pietro in Oliveto
In Provincia di Brescia, Regione
La chiesa sorge sul colle Cidneo, inserita nel complesso conventuale dei Carmelitani. La facciata è del '500, con due statue dei Santi Pietro e Paolo, é realizzata da Antonio Medaglia. L'interno è in stile rinascimentale ed il coro è ornato da grandi tele del pittore bresciano Ricchino. La mezzaluna che sovrasta l'organo è una tela di Andrea Celesti di notevole rilevanza artistica.

 
 
Chiesa di Sant'Angela Merici
In Provincia di Brescia, Regione
In passato era chiamata Chiesa di Sant'Afra. Gravemente danneggiata nel corso della Seconda Guerra Mondiale, venne totalmente ricostruita nel 1953. La struttura antica ad opera di Pier Maria Bagnadore risaliva al 1603 ed era decorata da affreschi dello stesso e di Girolamo Rossi: tutto fu distrutto dai bombardamenti.

 
 
Palazzo Martinengo
In Provincia di Brescia, Regione
La costruzione risale al 1675, fondata su una struttura quattrocentesca. La facciata è ornata da un portale in marmo e da due statue raffiguranti Marte e Minerva, opere di Sante Calegari. All'interno è da segnalare il Salone Apollo, con affreschi incorniciati da stucchi dorati di Giulio Quaglio e risalenti al 1714. Il Palazzo è oggi sede della Pinacoteca Civica.

 
 
 
 
Santuario di Santa Maria dei Miracoli
In Provincia di Brescia, Regione
Il Santuario, risalente al '400, presenta una splendida facciata con bassorilievi del Botticino. Nel corso del '500 la chiesa subì alcune modifiche ad opera di Stefano Lamberti. Le parti laterali, il rialzamento della prima cupola e la parte esterna della seconda risalgono invece al '700. L'interno è arricchito da opere d'arte di numerosi artisti, fra cui ricordiamo 'I Dodici Apostoli' di Gaspare da Coirano, le statue nelle nicchie delle porte laterali dei Calegari; ai lati dell'altare maggiore si possono ammirare dipinti di Marone, Cossali, Gandino e Bagnadore.

 
 
Tempio Capitolino
In Provincia di Brescia, Regione

L'area è momentaneamente chiusa al pubblico per lavori d'indagine archeologica.

Il Tempio Capitolino fu eretto da Vespasiano intorno al 74 D.C.

Fra il IV ed il V secolo il Tempio venne distrutto da un incendio e riscoperto nel 1823. All'interno ha tre sale con una ricca raccolta di epigrafi e steli votive di epoca romana.

 
 
Passeggiata romantica fra arte e storia
In Provincia di Brescia, Regione
Una passeggiata romantica fino al Castello: dalla via San Faustino ci si incammina fino a piazza della Loggia, dove si scorge l'orologio cinquecentesco, che batte le ore (i 'Macc dè lé ure'). Proseguendo poi, per i portici X Giornate e per piazza Paolo VI si possono ammirare il Duomo Nuovo e la Rotonda. Imboccando via dei Musei ci si imbatte nei resti romani: il Tempio Capitolino e la Fontana del Nettuno; proseguendo per via Piamarta, che offre peraltro uno splendido panorama, si sale fino al Castello, circondato da giardini. Si consiglia la salita alle torri perimetrali da cui si ammira il paesaggio.

 
 

Precedente 1 2 3 Successiva

Pagina 1 di 3