Alcuni dei più bei castelli e monasteri in Italia

Castello di Sondrio

A circa 130 chilometri da Milano, a Sondrio, capoluogo della provincia omonima, sorgevano un tempo due castelli: del primo, il più antico risalente all'epoca longobarda, che era dedicato a San Giorgio, non rimane che il ricordo storico; il secondo invece ancora veglia sulla città, è il castello di Masegra costruito intorno all'anno Mille di proprietà della famiglia De Capitani. Ospita attualmente un museo (aperto dal 1° maggio al 30 settembre – info tel: 0342/526269).

Santuario della Divina Maternità a Trezzo sull'Adda (MI)

Sorge sulla riva destra dell'Adda nei pressi del Naviglio della Martesana. Fu fatto erigere intorno al 1645 dal Cardinale Cesare Monti per dare un'adeguata collocazione al quadro miracoloso della Santa Vergine, noto come Madonna del Latte. Ora sede della Casa di Preghiera dei Padri Carmelitani Scalzi accoglie anche chi desidera condividere il silenzio e la preghiera in un ambiente di pace e nell'ampio giardino (per informazioni telefono: 02/90961489).

Castello di Miramare di Trieste

Castello di Miramare

Il Castello è una delle mete turistiche più note e visitate della città di Trieste. Si erge a picco sul mare, adagiato sul promontorio di Grignano a circa dieci di chilometri dalla città. Si tratta di una residenza principesca dell'Ottocento, realizzata dall'architetto Junker nel 1856, ottimamente conservata insieme allo splendido parco che ospita essenze arboree esotiche ed europee e disegnato secondo i classici canoni del giardino all'italiana. Signora e regina del Castello fu Carlotta di Sassonia, figlia di Leopoldo I e Maria Luisa d'Orleans nonché poi consorte di Massimiliano d'Asburgo.

Attualmente il Castello ospita il Museo Storico, aperto tutto l'anno con ingresso a pagamento (per informazioni al numero 040-224143), mentre il parco è visitabile gratuitamente.

La Rocca di Gradara (PU)

Domina il paese di Gradara, in provincia di Pesaro-Urbino ed è nota soprattutto perché fu teatro dell'amore finito, com'è noto, in tragedia, di Paolo e Francesca, personaggi di dantesca e dannunziana memoria.

La costruzione risale al XII secolo e presenta una massiccia pianta quadrangolare con torri ai vertici e mura merlate; fu abitata dai Maltesta ed in seguito dai Della Rovere.

La Rocca attualmente è visitabile anche all'interno, dove si possono ammirare pregevoli arredi e decorazioni, tutti i giorni (lunedì solo al mattino – per informazioni contattare la Pro Loco di Gradara al numero 0541-964115).

Abbazia di Sant'Antimo a Montalcino

Immersa nella spettacolare campagna senese l'Abbazia si erge con il suo campanile in stile lombardo. L'interno è luminoso e d'ampio respiro con le tre navate che si innalzano maestose verso il cielo. L'impianto originale, di cui restano la Cripta e la Cappella carolingia risale al IX secolo, mentre la restante parte fu eretta a partire dal 1118. Visse dal XII secolo un periodo di profonda decadenza e solo al finire del Novecento dopo il restauro divenne sede dei Canonici regolari di Sant'Antimo che tutt'ora la abitano. Resta uno dei più begli esempi di architettura romanica della Toscana.

E' consigliabile visitarla durante le funzioni che, cantate in gregoriano, sono di incredibile suggestione (Celebrazioni Eucaristiche alle 9,15 nei feriali ed alle 11,00 nei festivi – per informazioni Tel: 0577/835659).