Monumenti d'Italia

Castello di Rovereto
In Provincia di Trento, Regione
La pontentissima fortezza militare venne costruita ad opera dei veneziani intorno al '500 su un primitivo impianto medievale. Ulteriori fortificazioni vennero effettuate erigento bastioni e poderosi torrioni in occasione della "guerra roveretana". A fine '700 il castello fu occupato dai francesi di Napoleone ed in seguito dagli austriaci. Restaurato nel dopoguerra, oggi il castello è sede del Museo Storico Italiano della Guerra.

 
 
Castel Toblino
In Provincia di Trento, Regione
Sullo sperone roccioso che ospita il Castello, 2000 anni fa "abitavano" le fate alle quali nel III secolo era dedicato un tempietto. Lo "certifica" una lapide murata nel portico del castello. Sorto sul luogo di una antichissima fortificazione, il maniero viene menzionato per la prima volta in un documento del 1124 nel quale si nomina Odorico di Toblino. Successivamente la funzione magico-religiosa venne sostituita da quella militare-strategica. Il castello che oggi è possibile ammirare è frutto della riedificazione voluta da Bernardo Clesio nel XVI secolo: il maniero si trasformò in residenza dei Principi vescovi di Trento e in particolare dei Madruzzo. Oggi il castello ospita un ristorante.

 
 
Castel Stenico
In Provincia di Trento, Regione
Avamposto del potere dei principi vescovi di Trento nelle Giudicarie, il Castello negli anni subì numerosi ampliamenti e rimaneggiamenti, offrendo così un ampio ventaglio di stili architettonici. Di grande interesse è la cappella di San Martino, decorata da un importante ciclo di affreschi duecenteschi e la loggia situata tra i due principali corpi di fabbrica, anch'essa decorata con affreschi di argomento araldico e profano. La struttura è oggi sede distaccata del Museo Nazionale del Castello del Buonconsiglio.

 
 
Castelletto dei Vescovi
In Provincia di Trento, Regione
Posto tra il Duomo e il Palazzo Pretorio, il Castelletto fu antichissima sede dei principi vescovi fino al XIII secolo. L'edificio risulta essere composto da tre corpi verticali, l'uno sopra l'altro: il primo era costituito dalla cappella di San Giovanni; il secondo era una cappella dedicata a San Biagio ed infine in alto il vero e proprio Castelletto, residenza del vescovo. Il Castello dei Vescovi è ora visitabile nel percorso museale del Museo Diocesano Tridentino.

 
 
Castello del Buonconsiglio
In Provincia di Trento, Regione
Il Castello, nato come presidio imperiale lungo le mura urbane, divenne fin dal 1255 la sede dei principi vescovi di Trento, diventando così una magnifica residenza. Costituito da strutture di diversa epoca, è racchiuso in un'imponente cinta muraria munita di bastioni e cela uno stupendo giardino all'italiana. Al suo interno si possono ammirare affreschi di Gerolamo Romanino, Dosso Dossi ed in particolare, nella Torre Aquila, vi è uno dei più importanti affreschi del Gotico internazionale: il Ciclo dei Mesi. Nei secoli successivi il castello venne adibito a caserma austriaca e dal 1924 divenne Museo Nazionale.

Le sedi del museo presentano barriere architettoniche: si consiglia di contattare il museo (tel.0461233770, tel. 0461492811) per verificare le modalità di accesso.

 
 
Castel San Pietro
In Provincia di Trento, Regione
Il Castello sorge a 864 metri sopra il livello del mare in un ambiente molto aspro. Architettonicamente è un raro esempio di torre cilindrica e strategicamente era era una costruzione medievale che proteggeva un raccordo stradale che arrivava a Vigo di Ton. Fu costruito dai Thun nel XII secolo ed in seguito abbandonato.

 
 
Castel Thun
In Provincia di Trento, Regione
L'imponente Castel Thun, prende nome dall'omonima stirpe trentina che vi si stabilì intorno alla metà del XIII secolo e sorge in cima alla collina che sovrasta il paese di Vigo di Ton. L'attuale aspetto è dovuto alle numerose modifiche effettuate nel corso del Cinquecento, presentando così un complesso sistema di fortificazioni con torri, mura, bastioni e fossato. Di grande interesse sono l'imponente palazzo baronale e la Stanza del Vescovo, interamente rivestita di legno di cirmolo e con soffitto a cassettoni. Nei vasti spazi del castello si susseguono numerose sale che conservano ricchi arredi e una notevole quadreria. Dal 1992 il Castello è di proprietà della Provincia Autonama di Trento che sta provvedendo al suo restauro ed alla catalogazione della biblioteca.

 
 
 
 
Santuario Madonna delle Grazie
In Provincia di Trento, Regione
Il Santuario, in stile neoclassico, è a una sola navata con un armonico altare maggiore. Al suo interno conserva la statua miracolosa, in legno dorato e colorato, della Vergine seduta in trono con il volto chino in adorazione del Bambino. Il complesso sorse nel 1483, a causa delle soppressioni napoleoniche fu chiuso e riaperto solo nel 1858. Sul bronzeo portale d'ingresso, si possono ammirare gli splendidi bassorilievi del francescano Fra Silvio Bottes, raffiguranti l'annunciazione, la natività e le grandi figure femminili della Bibbia.

 
 
Santuario di San Romedio
In Provincia di Trento, Regione
Si tratta di uno dei santuari più caratteristici del Trentino a causa della sua incredibile posizione: è situato in cima ad un picco roccioso alto quasi 100 metri. E' un complesso edificio, formato da cinque chiesette sovrapposte di epoche diverse e collegate tra loro per mezzo di una ripida scalinata. La chiesa più antica fu eretta in cima al torrione roccioso, dove era sepolto, in una tomba di roccia, l'eremita San Romedio. La facciata esterna del complesso è un tipico esempio di architettura anaune del XVII secolo e dal cortile rinascimentale si arriva all'edificio che dal 1948 ospita un convento francescano.

 
 
Convento di San Bernardino da Siena
In Provincia di Trento, Regione
Il Convento, fondato nel 1694, fu soppresso durante l'occupazione Napoleonica. La chiesa, in stile romano-francescano, ospita cinque altari lignei e tele del pittore Martino Teofilo Polacco. Il Convento ospita una biblioteca, risalente al 1494, che ospita ben 80 mila volumi.

 
 

Precedente 1 2 3 4 5 Successiva

Pagina 2 di 5