Monumenti d'Italia

Teatro Massimo
In Provincia di Palermo, Regione
Fu progettato da Giovan Battista Filippo Basile nel 1864. I lavori furono portati a termine nel 1897 dal figlio del progettista, Ernesto Basile. Ai lati della monumentale scalinata d'accesso ci sono due gruppi bronzei, due leoni con due allegoriche figure femminili. Il 16 maggio 1897, il Massimo, secondo teatro d'Europa dopo l'Opera di Parigi, inizia la sua attività di teatro lirico con il Falstaff di Verdi e continuò la sua attività lirica sino al 1974, quando a causa delle nuove norme di sicurezza, il Teatro venne chiuso. E' stato riaperto nel 1997 dopo una chiusura di 20 anni.

 
 
Palazzo Conte Federico
In Provincia di Palermo, Regione
Il Palazzo Conte Federico è uno dei più vecchi e prestigiosi edifici di Palermo. La parte più antica del palazzo è una torre arabo-normanna del XII secolo denominata "Torre di Scrigno", era posta sopra le mura a difesa della città. Dal cortile interno, finemente decorato in pietra ad intaglio ad opera del grande architetto barocco Venanzio Marvuglia, ed attraverso la grande scala in marmo rosso si accede al piano nobile con i suoi numerosi saloni che rispecchiano le varie epoche attraverso le quali è passata la storia di questo palazzo. Nei vari saloni, arredati con mobili originali e quadri di insigni artisti dell'epoca, si possono ammirare i soffitti lignei dipinti del XV secolo, gli affreschi settecenteschi e le varie collezioni di armi e di ceramiche antiche. Il palazzo è ancora al giorno d'oggi abitato dal Conte Alessandro Federico e dalla sua famiglia e proprio per questo è visitabile esclusivamente su prenotazione.

 
 
Palazzo Pretorio
In Provincia di Palermo, Regione
Il Palazzo Pretorio fu fatto edificare dal pretore Pietro Speciale ed i lavori durarono dal 1463 al 1478. Il palazzo ha subito diverse trasformazioni in seguito soprattutto ai grandi eventi urbanistici che mutarono il volto della città: fu ampliato intorno al 1553, nuovamente sistemato nel 1615 e definitivamente ristrutturato nel 1873-75. La facciata principale presenta tre ordini di otto finestre ed una sola di nove balconi nel piano nobile, decorati con balaustre di marmo, colonnine e piccole teste di leone scolpite sotto le mensole. Sotto il balcone centrale è scolpita una grande aquila mormorea, opera di Salvatore Valenti. In cima al cornicione della facciata principale vi è un orologio da torre fatto giungere da Parigi nel 1864, racchiuso dal Damiani dentro una cornice rettangolare di pietra. In cima all'edificio, ai quattro angoli, vi sono quattro aquile in cemento.

 
 
Oratorio del Rosario
In Provincia di Palermo, Regione
Edificato dalla Compagnia della Madonna del Rosario a partire dalla seconda metà del XVI secolo, accoglie nella semplice e spaziosa aula una fastosa decorazione a stucco di Giacomo Serpotta. All'interno, troviamo dipinti di Pietro Novelli, Guglielmo Borremans, Matthias Stomer, Luca Giordano e sull'altare maggiore la magnifica Madonna del Rosario di Anton Van Dyck.

 
 
 
 

Precedente 1 2 3 4 Successiva

Pagina 4 di 4