Monumenti d'Italia

Palazzo del Municipio
In Provincia di Alessandria, Regione
Fu iniziato nel 1772 su disegno di Giuseppe Caselli e completato, con relative modifiche, da Leopoldo Valizone nel 1825. Il teatro che vi era annesso fu distrutto durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale.

 
 
Palazzo Cuttica di Cassine
In Provincia di Alessandria, Regione
A partire dal secolo XVII fu edificato dalla famiglia nobile da cui prende il nome. Fu ceduto nel 1812 ad altri proprietari e nel 1852 divenne proprietà del Comune. Le stanze, pur private di molto arredi originali, presentano uno stile tra il rococò ed il neo- classico. Il Palazzo ospita le Sale Comunali della Cultura ed il Conservatorio Musicale "Antonio Vivaldi".

 
 
Palazzo delle Poste e Telegrafi
In Provincia di Alessandria, Regione
Il palazzo delle Poste e Telegrafi rappresenta un esempio di razionalismo: il salone per il pubblico è un esemplare realizzazione di architettura di interni dell'epoca (1939-1941). La facciata è decorata dai mosaici di Gino Severini che, con accenti futuristi e cubisti, realisti ed astratti, illustrano, a partire dal centro, l'evoluzione della posta e del telegrafo con la loro diffusione nel mondo. Nell'ingresso a sinistra si trova un altro mosaico di Severini e, sempre sulla sinistra, nell'originaria sala di scrittura, si trova la pittura murale di Giulio Rosso.

 
 
Palazzo Ghilini
In Provincia di Alessandria, Regione
Fu edificato a partire dal 1732 su progetto dell'architetto Benedetto Alfieri per conto del marchese Tommaso Maria Ghilini. E' considerato un rilevante esempio di barocco piemontese e conserva raffinate decorazioni interne. Fu alienato nel 1805 al governo francese ed in seguito divenne proprietà dei monarchi sabaudi; ospita, dal 1869, gli Uffici della Prefettura e dell'Amministrazione Provinciale.

 
 
Palazzo Guasco Gallarati di Bisio
In Provincia di Alessandria, Regione
Notevole esempio di dimora nobiliare, è stato per secoli l'abitazione di una delle più influenti famiglie del territorio. L'attuale aspetto è il risultato di un rifacimento voluto dal Marchese Ludovico Guasco-Gallarati di Solero () 1723-1784). L'ala sinistra è occupata dall'Amministrazione Provinciale; quella di destra è tuttora proprietà privata e conserva interessanti caratteri originali: l'atrio, la scala monumentale ed il salone.

 
 
Tempio Israelitico
In Provincia di Alessandria, Regione
Della numerosa comunità israelitica che abitò Alessandria fino alla fine della seconda guerra mondiale restano solamente il cimitero e, inserita nel corpo dell'antico ghetto, la Sinagoga eretta tra il 1867 ed il 1881 su disegno di Giovanni Roveda.

 
 
Palazzo Inviziati - Sede Vescovile
In Provincia di Alessandria, Regione
Edificio di origine quattrocentesca, fu forse costruito per iniziativa di Nicolò Inviziati, esponenete di un'importante famiglia mercantile cittadine. Nei locali al piano terreno si trovano soffitti a cassettoni decorati (databili non oltre il 1494) e l'archivio della Curia. Al primo piano ha sede l'appartamento vescovile.

 
 
 
 
Palazzetto Conzani
In Provincia di Alessandria, Regione
Attribuito all'architetto Alessandrino Domenico Caselli, presenta il tipico paramento in mattoni a vista. Sulla facciata interna è murata una palla di cannone che si crede risalente all'assedio del 1745.

 
 
Villa di Marengo
In Provincia di Alessandria, Regione
La villa, dedicata dal farmacista Giovanni Antonio Delavo a celebrare la vittoria di Bonaparte, ospita il Museo della Battaglia di Marengo.

 
 
Cittadella
In Provincia di Alessandria, Regione
Con la sua massiccia struttura a pianta stellare rappresenta uno degli esempi europei più interessanti di architettura militare settecentesca. Fu voluta da Vittorio Amedeo III e costruita su progetto di Ignazio Bertola dopo l'abbattimento dell'antico borgo di Bergoglio. I lavori iniziarono nel 1728 e proseguirono nella seconda metà del 18° secolo. Durante i moti liberali del 1821 fu uno dei luoghi cittadini più coinvolti nell'insurrezione.

 
 

Precedente 1 2 3 4 Successiva

Pagina 3 di 4